sabato 21 aprile 2018

TORTILLA DE PATATAS. UNA E DUE Per MTCHallenge n.72

La Tortilla de Patatas è una delle preparazioni più famose ed apprezzate della della cucina spagnola. Molto gustosa, si presta ad essere servita sia come secondo, se tagliata a spicchi, sia come antipasto, se tagliata a cubetti.
In Spagna l'ho vista molto spesso servita come farcitura dei panini..!
Ed è la Tortilla il tema della sfida n. 72 di MTChallenge, proposta da Mai Esteve del blog Il Colore della Curcumache prevede due prove: una con la tortilla classica, a cui aggiungere un solo ingrediente in più alla base di patate, uova e cipolle, a parte le erbe e spezie varie e una prova con una tortilla reinterpretata, destrutturata, salata o dolce, preparata tenendo fermi gli ingredienti canonici e la cottura in padella. 
Eh sì, perché sappiatelo che la tortilla non si fa in forno, ma si cuoce in padella.
Le istruzioni di Mai Esteve sono molto precise, con le esatte quantità di patate e uova a seconda del diametro della padella usata!
1) Procediamo con la classica.
 Ingredienti 
(per la padella di 20 cm di diametro)
 600 g di patate (sbucciate)
5/7 uova (sempre dispari)
1 cipolla (di quelle dorate) 
olio extra vergine q.b.
sale
erba cipollina
2 cucchiai di panna liquida
Lavate le patate, sbucciatele, tagliatele a pezzetti e cuocetele a fiamma viva in una padella antiaderente molto capiente, con l’olio necessario.
Dopo 5 minuti aggiungete la cipolla tagliata a fettine molto sottili. Salate moderatamente, perché poi anche le uova andranno salate.
Girate delicatamente ogni tanto per non bruciarle, usando un mestolo piatto, in modo da non disfarle.
In un recipiente molto capiente sbattete le uova, aggiungete l'erba cipollina tritata, la panna e salate.
Quando le patate e la cipolla sono cotte e ben dorate dorate, versatele dentro il recipiente con le uova sbattute, avendo cura di lasciare nella padella l’olio di cottura.
Amalgamate e controllate il sale.
A questo punto versate il composto nella padella, aggiungendo olio se serve e tenete il fuoco basso per non bruciarlo.
Aiutandovi con il mestolo di legno piatto, controllate che l’uovo si addensi senza attaccare o bruciare. Per questo scuotete tutto delicatamente, in modo che la tortilla si muova dentro la padella.
Per girare la Tortilla prendete un piatto piano, abbastanza grande da coprire tutta la padella. Prima di usarlo, dalla parte dove si appoggerà la tortilla, inumiditelo con l'acqua.
In questo modo scivolerà da sola nella padella.
Mettete il piatto sulla padella, appoggiate una mano sopra e con l'altra prendete la padella e girate. Fate scivolare la tortiglia nella padella e fate cuocere per altri 6/7 minuti.
Ora, sempre con il mestolo piatto,  “rimboccate” tutto intorno la tortilla per avere un bordo tondo e regolare.
Alla fine, quando è cotta, fate scivolare la tortilla dalla pentola su un piatto oppure capovolgetela, usando lo stesso procedimento di prima, senza però bagnare il piatto. 
Una Tortilla cotta bene deve risultare dorata fuori e umida dentro. “Bavosa”.
2) Procediamo con  la rielaborazione:
CIPOLLE GRATINATE CON CREMA DI PATATE E ROLLS ALLE ERBE
Ingredienti per 4
1 Kg di patate (sbucciate)
7 uova (sempre dispari)
4 cipolle (bianche) 
olio extra vergine 
pangrattato q.b.
100 g di burro
latte q.b.
sale e pepe
erba cipollina, timo, maggiorana, prezzemolo
Lessate le patate, schiacciatele in una terrina e conditele con sale, pepe, burro e latte quanto basta ad avere una consistenza a pomata.
Lessate in acqua bollente salata le cipolle per una decina di minuti.
Scolatele, lasciatele raffreddare e tagliatele a metà per il diametro.
In una ciotola mescolate il pangrattato, qualche cucchiaio di olio, erbe tritate, sale e pepe. In una pirofila allineate le cipolle, ricopritele con questo miscuglio e condite con un filo d'olio. Mettete in forno a gratinare.
In una ciotola sbattete le uova con sale, pepe, erbe aromatiche tritate e qualche cucchiaio di latte.
Cuocete il composto poco per volta in un padellino per formare 4 frittate sottili.
Lasciatele intiepidire, arrotolate ognuna e tagliatela in 6 pezzi.
In ogni piatto mettete: due mezze cipolle, due quenelle di patate e i sei rolls.


9 commenti:

  1. Un tocchetto di cipolla, un poco di crema di patate e un pezzetto di roll: metti in bocca tutto insieme ed ecco... la tortilla! Brava!

    RispondiElimina
  2. Esatto . L’intenzione era quella.
    Grazie!

    RispondiElimina
  3. mentre non sono sicura che la panna nella tortilla tradizionale apporti personalità, di certo il latte nei rolls li rende belli morbidi, a contrasto con il croccante delle cipolle.

    RispondiElimina
  4. E no, personalità no.
    Umidità. E bavosita’
    😊

    RispondiElimina
  5. Hai visto bene… e non sai quanto mi piace dentro i panini!!!!
    Non sono particolarmente amante della panna nella tortilla di patatas, ti sono sincera, non la mere i mai, al contrario che nelle omelette, li si che le ho provate e mi piace. Vedo però che nella tua l'interno è venuto morbido e ciò vuol dire che magari questa aggiunta lattea ha funzionato e con l'aggiunta dell'erba cipollina mi sembra abbia fato una versione delicata e un po' francese, magari mi sveglio ma mi piace vederla così, magari appunto perché mi ricorda le omelette francesi.

    La versione rielaborata che ci proponi è intelligente e gustosa! In castigliano si dice "Juntos pero no revueltos" , che vuol dire insieme ma non mischiati… mi piace la tua idea di piatto unico, che allo stesso tempo hai presentato molto bene! Tu ci nascondi qualcosa… hai antenati francesi???

    RispondiElimina
  6. Carissima, chi può dirlo...
    Grazie per il tuo generoso giudizio.
    Sono stata in Spagna molte volte e ho anche fatto il Cammino di Santiago.
    Ne ho mangiata di Tortilla.
    Buon lavoro 🤗

    RispondiElimina
  7. Arrivo tardi e praticamente è stato detto già tutto, sospetti antenati francesi inclusi :) Brava!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Considerata la varietà delle dominazioni napoletane, l’ascende francese ci può stare 😜

      Elimina